Ci presentiamo

Chi siamo

Tasté Gusto Italiano è un nuovo modo di fare la spesa on line a Torino, capace di portare a casa tua il sapore della campagna piemontese con pochi semplici click. L'iniziativa nasce sulla scorta della grande passione per il territorio circostante nutrita da Michele e Guglielmo, che lo vogliono sostenere collegando le molte aziende impegnate nella produzione di prodotti tipici piemontesi alla crescente fetta di consumatori desiderosi di un'alimentazione sana e gustosa, capace di valorizzare tanto il chilometro zero quanto la cucina locale. Una vita, anzi due, vissute in quel posto unico che è il Piemonte, regione in cui il discendere dalle alte cime delle Alpi, su cui il Monviso vigila maestoso, alle pianure che accompagnano il Tanaro nel suo distendersi verso il Po, equivale a compiere un percorso in cui ad ogni passo si afferma forte l'identità contadina, posato nelle parole e generosa nel rimboccarsi le maniche.

Il Piemonte è quella terra la cui storia si riflette tanto nelle azzurre vasche delle risaie vercellesi quanto nel sorgere del sole dietro ogni collina dove si produce Dolcetto, curioso vicino di casa dei Tartufi di Alba e del Castelmagno della Valle Grana, in una sorta di gustoso triangolo amoroso che solo un'energica scarpetta potrà interrompere. Che lo si guardi in orizzontale, allungando lo sguardo fino alla provincia di Cuneo e ai suoi rigogliosi noccioleti, piuttosto che in verticale, salendo con gli occhi fino alle vette dove i migliori formaggi erborinati prendono forma ciò che non mancherà mai è il fermo intento di ciascun produttore di preservare la qualità di queste produzioni tipiche piemontesi, da oggi acquistabili on line grazie al nostro portale. Se pochi istanti sono sufficienti per comprendere la bellezza dei mille panorami esistenti, siano essi tersi come l'aria della Val di Susa che misteriosi come la foschia di Piazza San Carlo, servono invece molte stagioni per conoscere ogni meraviglia di questo territorio, generoso nell'offrirle quanto geloso nel custodirle.

Prendersi il giusto tempo è dunque l'unico modo per riuscire a comprendere tutta la gamma cromatica offerta dal Piemonte e dai suoi prodotti tipici, che va dal chiaro della neve al buio delle notti contadine o, se si preferisce, dal bianco del latte con cui nascono i migliori formaggi di capra al nero con cui certi nebbioli impediscono allo sguardo di vedere cosa vi sia al di là, non scordando comunque i mille colori che la frutta e la verdura sono in grado di offrire. Il nostro augurio per voi è dunque quello che riusciate a fermarvi sulla cima di uno dei tanti bricchi che puntellano questa nostra terra, magari facendo attenzione a non calpestare quel confine immaginario che divide le Langhe dal Monferrato, fieri nemici che si affrontano a vendemmie di Barolo e Barbera, e respirare un'aria pura, maturata all'ombra di quelle produzioni biologiche capaci di dare nuova veste a concetti antichi come il rispetto del territorio e genuinità del prodotto. E se nel vostro girare vi doveste perdere, non vi preoccupate, troverete sempre una gentile signora intenta a camminare lungo il ciglio della strada che saprà indicarvi la strada giusta, che sia per Torino piuttosto che per un piccolo ristorante dove mangiare prodotti tipici piemontesi.

La grande fortuna che ciascuno di noi potrebbe avere è quella di essere accompagnato nel suo viaggio da chi queste terre le vive e le conosce, come, se non meglio, dei nostri tre amici. Viaggiare con un piemontese lungo i suoi luoghi significa entrare in contatto con secoli di storia e cultura, dove la città ha invaso la campagna e se ne è fatta condizionare, tanto da rendere i confini labili, simili a quelli che oggi separano i consumatori dai produttori, grazie al nostro sistema di spesa on line su Torino. Forse le nobili piazze del centro cittadino non sono il luogo giusto dove costruire stalle e cantine; ciò che è certo è che non appena possono aprono le loro porte ai tanti contadini che dalle campagne locali vengono per regalare a tutti i suoi abitanti il gusto ed il profumo dei loro cibi.

Uomini fieri quelli di cui parliamo, abituati a guardare avanti, ansiosi di realizzare, in un eterno gioco con il tempo che ha nelle cascine il suo spazio, nel consumatore consapevole il suo pubblico e nell'eccellenza agroalimentare il suo scopo. Poiché la giusta misura nell'uso delle parole è la dote che subito emerge agli occhi di chi ne conosce uno, grande sarà lo stupore nel trovare in quella stessa persona, magari aiutati da un bicchiere di vino, una fonte inesauribile di ricordi, in un rapporto per certi versi paragonabile a quello dello scrigno con il tesoro, in questo caso ben rappresentato dal prodotto tipico piemontese.

Nell'ascoltarlo masticare il suo dialetto, solida testimonianza di un Piemonte che fu, è curioso osservarlo mentre declina termini come spesa on line e green economy, concetti su cui si costruirà il futuro che tanto lui quanto noi consegneremo ai nostri figli. Mentre però immaginare Cavour intento a inserire i propri asparagi in un paniere on line è quantomeno bizzarro, meno lo è pensare a come accanto all'amore che i contadini nutrono per una cascina che forse li ha visti raramente allontanarsi dal proprio abbraccio, vi sia la consapevolezza che il domani parli una lingua diversa, che viaggia lungo dei fili anzichè delle strade lente e polverose come quelle che, fortunatamente, le campagne piemontesi sanno ancora offrirci.

Percorrerle è senza dubbio il modo migliore di incontrare un baròt, sbrigativo modo con cui si definisce chi quelle strade le percorre ogni giorno per andare a produrre tutto il gusto di un prodotto tipico piemontese, sano, genuino, vero. I suoi tempi sono quelli della natura, dove giorno e notte equivalgono a sole e luna, dove le stagioni sono quattro, profumate rispettivamente di fragole, mirtilli, uva e kiwi. Forse non ne conoscerà le opere, ma di sicuro è il protagonista di quel mondo contadino che ha avvolto le opere di Cesare Pavese e Paolo Conte. Punto di arrivo di una storia secolare che dal marchesato di Saluzzo giunge fino alla festa di un'unità nazionale qui ispirata, può dunque essere dipinto in bianco e nero, consapevoli però che oggigiorno le sue campagne si stanno colorando di produzioni biologiche acquistabili a Torino e filiere a impatto zero.

La riproposizione di antiche filosofie, vestite con i panni delle più moderne tecniche e tecnologie per assicurare un cibo autentico e sano, in un continuo rincorrersi tra tradizione e innovazione: questo è ciò che tanto il territorio quanto i produttori si impegnano a fare, per offrire a tutti i consumatori un vero prodotto tipico piemontese. È sufficiente abbandonarsi ad un solo assaggio perché esso ci conquisti, grazie a quel sapore unico che solo la cura e l'amore dei contadini riesce a trasmettere. Ripercorrere l'intera offerta agroalimentare che Tastè mette a disposizione per il tramite della sua spesa on line su Torino, significa compiere non solo un viaggio fisico ma anche un'esperienza capace di coinvolgere tutti i sensi, come il più ricco dei banchetti cui si è partecipato.

È così che delle semplici verdure diventano un concentrato di gusto, cresciuto all'aria aperta e ai raggi di un sole ben determinato a far maturare peperoni, melanzane, broccoli e tutto quanto fa insalata. Accanto al nostro orto troverete poi un'aia in cui passeggiano liberamente galline e quaglie che osservano il padrone lavorare, nella fremente attesa di un pasto da razzolare in tutta libertà. Concetti come allevamento intensivo o in gabbia sono per noi oscuri, impegnati come siamo ad accompagnare nelle loro passeggiate i nostri animali, genuini ed al contempo saporiti. Questo è per noi il vero significato di agricoltura biologica in Piemonte!!!

Accanto ai nostri piccoli amici vi sono poi le regine delle campagne, quelle mucche note in tutto il mondo per la bontà e la qualità del loro latte e delle loro carni. Allevamenti controllati dal Coalvi, il Consorzio che tutela le produzioni tipiche piemontesi, spesso certificati biologici, in cui i nostri animali pascolano in piena libertà nutrendosi di un foraggio sano e incontaminato e perché no, sognando una di quelle gite in malga cui si deve la ricchezza di sapori dei nostri formaggi. È facile dunque affidarsi ad una nostra mucca, consapevoli che alle sue spalle esiste un rigoroso sistema di controllo alimentare che la rende adatta per l'alimentazione di tutta la famiglia, con un occhio di riguardo per i più piccoli, cui vanno tutte le nostre attenzioni.

Se non c'è Piemonte senza formaggio, non ci può essere neppure senza vino. Da tempo immemore suo compagno di viaggio, esso trova in questa regione una delle sue massime espressioni a livello nazionale e mondiale, con alcune delle più prestigiose Denominazioni a caratterizzare i paesaggi che si pongono davanti ai nostri occhi. Barolo e Barbera d'Asti, Arneis e Gavi, Dolcetto e Barbaresco sono solo le principali produzioni che qui trovano origine, e che riescono ad accompagnare alla perfezione ogni piatto tipico piemontese, dando vita ad entusiasmanti matrimoni da celebrare ogni giorno sulle tavole di tutta Torino. Fortunatamente (per gli astemi) per poter apprezzare l'ampio bouquet di fiori e frutti che queste prestigiose etichette rivelano possiamo anche selezionare dal nostro paniere on line la frutta, sia fresca sia in versione conserva. Non importa che sia scura come un mirtillo o accesa come un lampone, questa saprà conquistarvi al primo assaggio, grazie a una dolcezza e fragranza uniche. Frutta e verdura, vino, formaggi, espressioni spesso certificate biologiche della piramide alimentare alla base della dieta mediterranea, regime dietetico i cui benefici per la salute umana sono ormai noti e confermati da numerosi studi scientifici.

Proprio perché i prodotti tipici piemontesi sono centrali nella nostra piramide alimentare, abbiamo ritagliato un importante spazio per il pane e le farine, riguardo a cui la nostra scelta è stata meticolosa, dal mulino a pietra alle varietà di grano utilizzate, passando ovviamente per la serietà del produttore e la salute del luogo di coltivazione. Siamo così giunti ad un prodotto profumato e fragrante, preparato e abbellito con quei cereali così importanti per la salute del nostro corpo. Accanto al pane vi sono poi le farine, che consentiranno di preparare gustosi piatti come tajarin e agnolotti, per celebrare quando vogliamo la grande tradizione culinaria piemontese. E per chi non ha tempo di preparare queste leccornie, abbiamo pensato di mettere a disposizione anche un'ampia sezione gastronomica, da cui farsi tentare. Acciughe rosse e verdi, antipasto piemontese, vitello tonnato, insalata di toma e noci, il tutto preparato con la stessa cura e amore che le nonne mettono ogni qualvolta la famiglia si riunisce alle loro tavole.

Queste poche parole sono necessarie per raccontarvi il sogno di Michele e Guglielmo, uomini che in quanto innamorati della propria terra hanno studiato il modo più semplice ed economico per portare la propria spesa on line a Torino. Per questo accanto ad un'attenta scelta dei produttori e dei prodotti tipici piemontesi, è stato predisposto un efficiente servizio di consegna a domicilio. Un portale intuitivo, in cui fare la spesa significa viaggiare per il Piemonte comodamente seduti sul divano anziché alla scrivania del proprio ufficio. Pochi istanti e la spesa on line a Torino è fatta, facendoci rapidamente scordare quanto sia faticoso muoversi nel traffico, cercare un parcheggio, attendere in fila alla cassa.

Tutto questo ad un prezzo veramente competitivo, grazie all'eliminazione di tutti i passaggi intermedi, che oltre ad avere un impatto economico costringono le merci a viaggiare in giro per l'Italia, a tutto danno di quell'ambiente che invece noi vogliamo preservare ad ogni costo. Una semplice carta di credito, una transazione sicura sul nostro sistema e il gioco è fatto: potete rilassarvi attendendo che il nostro personale suoni alla vostra porta per poggiare dove vorrete la spesa. Non vi preoccupate se dovrete farvi consegnare la spesa in ufficio, in quanto abbiamo predisposto un'apposita scatola termica che vi permetterà di conservare quanto acquistato anche lontani dal vostro frigorifero. Anche in questo frangente abbiamo voluto dare il nostro piccolo contributo al rispetto dell'ambiente, prevedendo un rimborso per tutti coloro che riconsegneranno l'imballaggio, sia esso la scatola piuttosto che il contenitore termico.

Ridurre i rifiuti e risparmiare le risorse è infatti un impegno che Tastè ritiene di doversi assumere, al di là di qualsiasi convenienza economica. Ciascuno di noi ha infatti ben chiara l'importanza che ha la tutela dell'ambiente in un'epoca che sconta gli eccessi del passato. Consumare meno e meglio riducendo gli sprechi, orientare le proprie scelte verso cibi genuini, meglio ancora se certificati biologici, promuovere stili di vita capaci di non impattare con l'ambiente circostante. Il tutto riscoprendo il piacere di dividere la tavola con familiari ed amici, perché ogni pasto sia speciale.

Per affrontare al meglio questa avventura Michele e Guglielmo hanno deciso di affiancarsi un team giovane, che condivide gli ideali alla base di Tastè, impegnandosi pertanto a farsene promotore. Competenze tra loro diverse, capaci di ritrovarsi all'ombra di una pianta che siamo certi contribuiranno a innaffiare, per vederla giorno dopo giorno crescere e proliferare. Un gruppo capace dunque di sposare questo progetto, intendendolo come qualcosa di più profondo di un semplice lavoro. Una sorta di missione in cui accanto alla comodità tipica di una spesa on line, vi è l'affermazione di un legame con i prodotti tipici del proprio territorio.